DISFUNZIONE

 

O NEGAZIONE?

 

 

 

 

 

“La peggiore impotenza è dimenticare che c’è un aiuto”. (James Richardson)

 

 

Non tutte le persone sono abituate ad una sana comunicazione, e dunque, a saper chiedere aiuto, questo le rende davvero impotenti, perchè non tutte, ma di sicuro tante situazioni di disagio si potrebbero risolvere comunicando con l’esterno. A questo punto mi chiedo “perché spesso preferiamo chiuderci in noi stessi, con il nostro disagio e le nostre sofferenze piuttosto che comunicare la nostra problematica a chi può indirizzarci per risolverla”?

Lo chiedo a Giulia, 40 anni che da circa 2 convive con Franco,  e con il suo disturbo di disfunzione erettile. Volevo un approccio schietto e sincero sull’argomento, ma fin da subito è evidente quanto sia difficile per un uomo affrontare questo tipo di argomento, e di quanto possa ancora incidere pesantemente il nostro retaggio culturale. In un epoca all’avanguardia ed in continua espansione, dove ci si può laureare on line, si gioca in 3D e si parla di viaggiare nello spazio, argomentare di disturbi sessuali è ancora un radicato taboo.

Giulia si è accorta dei problemi di Franco dopo il primo mese di relazione. Lui evitava qualunque tipo di approccio e di contatto fisico, ed anche i baci erano sempre veloci e poco coinvolgenti. Ricorda, con qualche turbamento, che la sua prima reazione fu quella di dare la colpa a se stessa. Si sentiva poco desiderabile ed attraente, ma lasciò correre e si diede del tempo per cercare di capire e comprendere meglio la situazione, con la speranza che, anche Franco, la illuminasse in qualche modo. Ma le sue speranze si rivelarono vane, e mentre Franco sembrava completamente sereno ed a suo agio, Giulia si sentiva scoraggiata e sempre meno a suo agio con se stessa. Decide di affrontare l’argomento con qualche timida domanda, ma le risposte che riceve sono vaghe e poco chiare. Giulia non poteva concepire che un uomo che amava così tanto e che sembrava ricambiarla, almeno a parole, non si curasse minimamente delle sue esigenze di donna e compagna di vita. Fare finta che il problema non esistesse, faceva si che non esistesse nemmeno il suo sentirsi donna e questo creava non poche tensioni all’interno della coppia, ostacolando una relazione che non veniva più vissuta sotto nessun punto di vista. Giulia ormai decisa a mollare, annichilita da un rapporto freddo e pratico, mette Franco alle strette, che finalmente, e per paura di perderla si decide a comunicare. Le riferisce di un precedente rapporto che lo ha dilaniato, di essere stato lasciato dopo una lunga relazione di punto in bianco, da una donna che amava follemente e con cui aveva progetti a lungo termine. Da lì in poi comincia il calvario dell’ansia ed, in qualche occasione, di attacchi di panico. Non riesce a sbloccarsi, non riesce a lasciarsi andare, non riesce più a vivere l’intimità e forse non riesce più nemmeno a fidarsi. Ansia, sfiducia, frustrazione, così come l’abuso di alcool, o di sostanze stupefacenti. Diabete, ipertensione, sovrappeso. Sono tante le cause di impotenza, così come i rimedi per curarla ed affrontarla. E così torniamo alla citazione iniziale, che esplicita con estrema semplicità quanto la nostra mente, i pensieri negativi e spesso la paura del giudizio, possano inibirci e renderci “impotenti” di fronte alla vita stessa. Giulia e Franco si sono affidati ad uno psicoterapeuta, e questo è già il primo grande passo per risalire la china. Magari il percorso è lungo e faticoso, ma una volta “elaborato e metabolizzato”  il disagio, mattoncino dopo mattoncino si può cominciare a ricostruire.

 

“La più alta forma d’intimità risiede nel dialogo”. (Federica La Selva)

 

NEWS!!!

#CHIEDILOAME

SEGUI SUL CANALE YOUTUBE

 

 

 

 

 

 

NEWS!!!  febbraio 2021

ADESIONI AL GRUPPO ESPERENZIALE:

"Sostegno alla genitoriaità"

Per info chiamare 

3890319638

 

 

NEWS!!!

CORSO INDIVIDUALE ONLINE:

"L 'ASSERTIVITA' PER TUTTI"

Per info chiamare 

3890319638

 

 

 

NEWS!!!

marzo 2021

"MESE DELLA PREVENZIONE PSICOLOGICA"

Per info chiamare 3890319638

 

 

 

 

 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© STUDIOPSICOTERAPIAPESCARA VIA PIAN DELLE MELE 20 65124 PESCARA